Carta Servizi
Home leggimi Utenza Carta Servizi Orientamento Diritti -  doveri alunni Regolamento Altre Comunicazioni CHAT Giornalino Novità Link Riardo Elementari Associazioni

 

Home

POF

    REGOLAMENTO     CARTA DEI SERVIZI

PON Con l' Europa investiamo nel Vostro futuro!

CARTA DEI SERVIZI

1.  I DIRITTI E I DOVERI DEGLI ALUNNI IN UNA SCUOLA DEMOCRATICA

Una scuola può definirsi autenticamente democratica quando essa garantisce e tutela la piena fruizione e il pieno adempimento sia dei diritti che dei doveri che fanno capo all'alunno, cioè quando essa rende effettivamente un servizio alla persona.

La piena fruizione dei diritti all'interno dell'istituto non può prescindere dal contestuale adempimento dei doveri da parte dell'alunno ; diritti e doveri che alimentano il suo processo formativo. Esiste sempre un rapporto di reciproco condizionamento tra la fruizione piena dei diritti e l'adempimento, altrettanto pieno, dei doveri.

 

2. IL RUOLO PROFESSIONALE DEI DOCENTI E DEL DIRIGENTE SCOLASTICO. LA LIBERTA DI INSEGNAMENTO.

L'esercizio della funzione docente, alla quale la legge di delega n'477 del 1973 attribuisce la qualità di pro­fessione, ha come propria specifica destinazione di scopo la garanzia e la tutela dei diritti e dei doveri dell'alunno.

Ogni attività di insegnamento, come attività didattica organizzata, va sempre progettata e programmata in rapporto al fine da conseguire.

 In ragione di ciò, poiché la libertà di insegnamento è elemento costitutivo della funzione e non patrimonio privato della persona del docente, ne deriva che il suo esercizio ha come propria e doverosa destinazione di scopo quella della stessa funzione docente, cioè la garanzia e la tutela dei doveri e dei diritti dell'alunno, primo dei quali il diritto inviolabile alla libertà di apprendimento.

Anche il contratto collettivo di lavoro del comparto scuola dell'agosto 1995, individua nel progetto di istituto lo strumento più adeguato per rispondere "alle differenziate esigenze degli alunni tenendo conto del contesto socio - economico e culturale di riferimento.

Il dirigente scolastico è, secondo norma, responsabile della gestione unitaria dell'istituto scolastico e responsabile, altresì, dei risultati per come afferma il vigente contratto collettivo di lavoro in rapporto all' organizzazione e gestione delle risorse effettivamente disponibili.

3. UFFICIO DI SEGRETERIA E PERSONALE A.T.A. (AMMINISTRATIVO,, TECNICO E AUSILIARIO)

L'Ufficio di segreteria è elemento costitutivo dell'istituto scolastico, al quale è preposta la figura professionale del Responsabile amministrativo con proprie e specifiche competenze fissate, in via prevalente, dal vigente contratto collettivo di lavoro del 4 agosto 1995 e del Decreto Interministeriale 28 maggio 1975, riguardante le istruzioni amministrativo - contabili per gli istituti scolastici.

Il Responsabile amministrativo organizza i servizi amministrativi dell'unità scolastica ed è responsabile del funzionamento degli stessi. Sovrintende, nell'ambito delle direttive di massima impartite dal dirigente scolastico e degli obiettivi assegnati, ai servizi amministrativi e ai servizi generali dell'istituto scolastico, coordinando il relativo personale che è a lui sottordinato.

Si fa rinvio al regolamento interno per quanto riguarda le norme interne di funzionamento e di organizzazione di tali servizi generali amministrativi.

La segreteria rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni 

SEGRETERIA

 

4. IL RUOLO DELLA FAMIGLIA

La prima formazione sociale, alla luce dell'art. 2 della Costituzione, in cui si svolge la personalità dell'uomo e della famiglia, al cui interno :"E,' dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli

La seconda formazione sociale è la scuola, direttamente collegata con la famiglia. L scuola, infatti, ha la finalità intenzionale di istruire, formare ed educare l'alunno come persona e come cittadino. Da qui il preciso dovere e diritto della famiglia di partecipare alla vita della scuola, al fine di rendere il migliore servizio possibile ai loro figli, nel pieno rispetto delle competenze delle altre componenti.

Nel merito va attuato un rapporto scuola - famiglia fondato sui principi di partecipazione, di responsabilità, dì condivisione, dì trasparenza, nell'intento comune di realizzare uno sviluppo pieno ed armonico della personalità di ciascun alunno, tale essendo la finalità primaria di una scuola autenticamente democratica.  

CRITERI DI VALUTAZIONE :

In funzíone delle risorse strumentali della scuola  

al numero delle attività inter / parascolastiche  

in rapporto ai risultati ottenuti dagli alunni.

POF

    REGOLAMENTO     CARTA DEI SERVIZI

Home